giovedì 10 marzo 2016

Expo 2015 – 23 ottobre “ (Grazie a Dio) ...E' venerdi” falsa frittata con bavaroni o cipollotti

Tutto è cominciato da qui... Grazie a Dio è venerdì !!! Parcheggio comodo l’ho trovato, passaggio senza problemi ai tornelli fatto !!! Condizioni climatiche ottime !!! E poi... chissà chi mi aspetta in Piazzetta!!! Il primo giorno si conoscono le persone che fanno parte di Piazzetta Piacenza e subito si trova la giusta intesa.. percui l'ansia comincia a scendere perchè sai che puoi contare su un gruppo meraviglioso!!.. Allestimento .... MOLTO ZODIO!!!
Ecco alcune foto e la ricetta che ho proposto!!

 



FALSA FRITTATA DI CECI E BAVARONI (o porri)



Ingredienti per 4-5 persone
   350 gr. di cipollotti o porri
   200 gr. di farina di ceci
   1 + ½  bustina di zafferano
   1 cucchiaio di erbe aromatiche (timo rosmarino o salvia)
   1 spicchio di aglio
   1 cucchiaio di olio evo
   Sale q.b.




Procedimento
Sciogliete lo zafferano in 5-6 cucchiai d’acqua molto calda, poi mescolatelo con acqua fredda fino a raggiungere 600 ml.
In una ciotola stemperate la farina di ceci con l’acqua allo zafferano, mescolando con una frusta o con la forchetta fino ad ottenere una pastella liquida, aggiungere un po’ di sale; copritela e fate riposare intanto che fate cuocere i cipollotti.
Tagliate a fettine i porri e cuoceteli in una pentola con le erbe aromatiche, l’olio, il sale e, se volete, uno spicchio di aglio, bagnate con un po’ di acqua in modo che il cipollotto si cuocia senza seccare.
Rivestite con carta da forno, precedentemente bagnata e strizzata una teglia rettangolare (21x29,5) oppure potete utilizzate una teglia antiaderente senza rivestirla con la carta forno.
Mescolate i porri con la pastella di ceci e versate il tutto nella teglia… lo spessore non deve superare i 3mm.
Infornate a 220° per una ventina di minuti fino a quando si sarà formata una bella crosticina dorata. Prima di servirla, lasciate assestare la frittata per 10 minuti a temperatura ambiente.



Valori nutrizionali forniti dal Dott. Saverio Bruni 
Biologo Nutrizionista - Vice Presidente - Associazione Biologi Nutrizionisti Calabresi 

Protidi g 9,3
Lipidi g. 2,45
Zuccheri composti g. 19,70
Zuccheri semplici g. 3,30
Fibra g. 6,90
Acqua g. 60





venerdì 4 marzo 2016

4 Marzo - giornata Nazionale Pisarei e Fasò !! I miei a basso indice glicemico

Un pò di storia...
I pisarei e fosò (fagioli in dialetto piacentino) sono un piatto tipico della tradizione piacentina.
Questa ricetta si perde nella notte dei tempi, gli ingredienti sono abbastanza poveri, infatti la farina veniva tagliata con il pane raffermo per risparmiare la materia prima.
Il nome Pisarei, probabilmente deriva da una storpiatura dal dialetto piacentino del termine biscia, che richiama il lungo serpentello di pasta che si deve realizzare prima di tagliare gli gnocchetti. C’è, invece, chi sostiene che deriverebbe dalla parola spagnola Pisar, cioè pestare, schiacciare; infatti gli gnocchetti vanno schiacciati sotto le dita per dar loro la tradizionale forma. 

Siccome mi piacciono molto e si possono definire piatto unico ho pensato di modificare alcuni ingredienti (per esempio la farina e il tipo di pane) affinchè, dopo il pasto, non mi ritrovo ad avere picchi glicemici poco gestibile... quindi ho preparato questa ottima ricetta... da mangiare in tutte le stagioni !! La ricetta è tratta dall'e-book che ho preparato per Fiberpasta in collaborazione con alcune nutrizioniste, anche di altre città, che hanno partecipato a questo interessante progetto!!!


Ingredienti per la pasta 1 porzione
25 g. di pane di segale secco grattugiato
40 g. di farina FIBERPASTA
60-70 g. di acqua
1 cucchiaino di olio extra vergine di oliva

Ingredienti per il sugo
50 g. di fagioli borlotti in scatola
6 g. di cipolla
30 g. di doppio concentrato di pomodoro
1 cucchiaino di olio extra vergine di oliva
100 g. di acqua - Un pizzico di sale


Preparazione
Per preparare i pisarei mescolate la farina  il pangrattato e un po’ d’acqua tiepida. Iniziate ad amalgamare gli ingredienti, versando man mano altra acqua (tanto quanto basta per ottenere un composto liscio ed elastico). 






Preparate delle bisce di pasta dalle quali strappare un pezzettino della stessa e premendo al centro contro il tagliere fatela rotolare in modo da ottenere un gnocchetto incavato ma chiuso su se stesso


















Per preparare il sugo: in una pentola di terracotta imbiondite la cipolla con un poco di olio e sale. Aggiungete il concentrato di pomodoro diluito con l’acqua e portate ad ebollizione. Versate i fagioli e cuocete a fuoco medio  per 20-30 minuti fino a che il sugo non si addensa.



Cuocete i pisarei in acqua bollente e salata, scolateli appena riaffiorano con un mestolo forato e, nel caso fossero troppo asciutti, aggiungete un po’ di acqua di cottura. Conditeli con la salsa e una bella spolverata di parmigiano grattugiato.


Valori nutrizionali e commento forniti gentilmente dalla Dott.ssa Marisa Cammarano - Specialista in Scienza dell'Alimentazione e autrice di numerose ricerche scientifiche pubblicate su riviste italiane ed estere.

384 Kcal per porzione di cui:
Proteine: 16g (18,18%)
Grassi: 15g (17,05%)
Carboidrati: 47g (53,41%)
Fibre: 10g (11,36%)

Questi gnocchetti saporiti e morbidi sono un piatto nutriente, saporito e si prepara con ingredienti molto poveri. Associare nello stesso piatto cereali e legumi fa risparmiare tempo prezioso ed è una soluzione perfetta dal punto di vista nutrizionale: i primi aiutano infatti ad assorbire meglio le proteine dei secondi, evitando il rischio di andare incontro a carenze nutrizionali. È indispensabile completare il pasto con abbondante verdura. Perfetta anche una semplice insalata spruzzata con un po’ di limone (fonte di vitamina C, utile per migliorare l’assorbimento del ferro contenuto nei legumi) e arricchita da frutta secca o semi oleosi (ricchi di calcio e omega 3).

Questa ricetta partecipa al Calendario del Cibo Italiano organizzato dall’Associazione Italiana Food Blogger, AIFB.
Il calendario promuove la conoscenza del cibo italiano e dei suoi ingredienti.
L’Ambasciatrice della giornata dei pisarei e fasö è Elena Broglia per il Calendario del Cibo Italiano – Italian Food Calendar